Centro Polifunzionale

DESCRIZIONE DELL’OPERA

L’intervento consiste nella costruzione di un loggiato adibito a centro polifunzionale di eventi, aperto ai cittadini, nella frazione di Rosignano Solvay, comune di Rosignano Marittimo, provincia di Livorno.

Trattasi di una costruzione a pianta rettangolare di dimensioni 10 m per 40 m circa, con altezza decrescente da Nord a Sud: da quota 7,70 m circa a 4,20 m circa. La forma della copertura è a due falde con compluvio centrale.

L’accesso all’edificio è libero su tre lati, mentre le ultime tre campate a Sud risultano chiuse da muri e sono provviste di servizi igienici e un salone vendita.

Rop RENDER

DESCRIZIONE DELLE STRUTTURE E MODELLAZIONE

Le fondazioni sono costituite da una platea generale estesa all’intera pianta dell’edificio di spessore 35 cm, armata con doppia rete elettro-saldata. Dalla platea emergono pulvini rettangolari dai quali svettano i pilatri. Tali pulvini sono collegati tra loro con travi di sezione che si innestano nella platea lungo l’intero perimetro mentre all’interno, lungo la direzione trasversale, se ne trovano due. Le funzioni di tali nervature sono: fornire maggiore rigidezza al sistema di fondazione, migliorare il collegamento del pulvini, prevenire fenomeni di punzonamento e incassare i carichi derivanti dai muri di tamponamento che chiudono le ultime tre campate della struttura.

Rop 2Le strutture portanti verticali sono costituite da telai in acciaio composti da profili UPN 220 e IPE 200 dalla geometria elaborata in modo da ottenere una sorta di “M” per ogni telaio. L’altezza di ogni telaio è variabile: ogni telaio, pur mantenendo la sagoma, cambia la sua geometria. Distinguiamo dunque una parte del telaio che assume la funzione di pilastro formata da una coppia profili UPN 220 continui, mutuamente vincolati tra loro, e posti ad una distanza tale da poter accogliere all’interno la seconda parte del telaio formata da travi IPE 200 impegnate da sforzi di trazione/compressione e da modesti sforzi flettenti.

Telaio in acciaio

Particolari acciaio

La trasmissione reciproca tra i telai degli sforzi orizzontali, agenti lungo l’asse longitudinale dell’edificio, è affidata a controventi a croce di sant’Andrea; formati da profili d’acciaio in tondi pieni con funzione esclusiva di tiranti. Tali controventi coprono tutte le campate e collegano le teste dei pilastri a livello della copertura e un punto posto ad una certa quota di ogni colonna successiva. Essendo elementi molto snelli, per evitarne lo sbandamento, ne viene imposto uno stato di pre-sollecitazione a trazione tale per cui l’elemento non sia mai sollecitato a compressione per nessuna delle combinazioni di calcolo. Completa il sistema controventante un profilo d’acciaio UPN 220 che collega orizzontalmente tutti i pilastri.

controventi acciaio

Essendo richiesta la massima permeabilità alla struttura la diffusione degli sforzi orizzontali alla fondazione viene affidata ai soli pilastri. Nell’altra direzione la trasmissione degli sforzi orizzontali è rimandata ai telai che per forma geometrica si prestano bene a tale compito.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...